Il potere degli audiolibri sulla vita del Freelance

17 maggio 2018

Se come me sei interessato a migliorare il tuo modo di lavorare e sei un freelance (o un imprenditore) l’unico modo che hai è formarti. Questo significa partecipare a convegni, acquistare corsi o leggere libri. Nella mia situazione odierna dove sociopatia = life beh…è un problema.

Personalmente ho voluto cominciare “slow” come direbbero a Milano. Quindi, nonostante io non sia un lettore, ho acquistato una serie di libri che ho dopo un lungo periodo sono riuscito a terminare. Leggere per me è sempre stato difficoltoso, forse perché mi ricorda le scuole o forse perchè sto diventando narcolettico. In ogni caso uno di questi libri mi ha aperto gli occhi sul fatto che inconsciamente sapevo quello che dovevo fare per migliorare la mia vita professionale.

Vivi regolare, fai sport, formati.

Il primo di questi punti è una una logica conseguenza del fatto che se lavori veramente, difficilmente riuscirai a fare la vita rock’n roll. Quindi fatto.

Gli altri due punti invece sono sempre stati un problema: la mia pigrizia li ripudiava a tanto da preferire di lavorare invece che fare sport o leggere un libro. Fino a che Amazon mi ha fornito la soluzione.

Audible: Ascolta invece di leggere, formati sempre

Come spesso faccio ho scoperto l’acqua calda. Amazon ha da anni ormai assorbito Audible, azienda innovativa che diversi anni prima di Apple ha creato un riproduttore musicale per i propri audiolibri. Audiolibri? Si, per me, la soluzione.

Vivere sempre in movimento, praticamente non fermarsi mai, rende la nostra vita fortemente ottimizzata. Studiamo sistemi che migliorano la nostra vita, aumentiamo i comfort ogni volta che possiamo; Audible è il mio metodo, ovvero fare formazione camminando (e magari in un futuro, correndo).

Ritornando al discorso dell’acqua calda, Amazon ha assorbito Audible per circa 300 milioni di dollari quindi c’è gente in ogni parte del mondo che fa formazione o si svaga con gli audiolibri mentre va in macchina o va in palestra da anni. Quindi, per me questo meccanismo virtuoso spesso fa in modo che io cammini quando non ne ho voglia, perché sono curioso di capire come finisce il mio audiolibro e al tempo stesso di ascoltare qualcosa mentre mi rompo la uallera camminando. C’è un però? Certo.

E’ un servizio Amazon, quindi puntuale come l’aumento dell’IVA è a pagamento.

Audible e il canone mensile: trucchi e scorciatoie per risparmiare

Jeff…Jeff! Stai in Italia, che pensavi di sfangarti le menate di pirateria o il “ti faccio il portafogli”?

Scherzi a parte, Jeff Bezos, patron di Amazon quando ha acquisito Audible sapeva benissimo che ogni paese necessitava di un suo modello di business. Quello che va per la maggiore oggi è il “Freemium” che offre Spotify, ma Bezos ne conosce i limiti e sa che in Italia quella formula funziona relativamente. Già perchè in Italia se c’è uno che paga Spotify Premium ce ne sono altri quattro che si accontentano della maledetta pubblicità (oppure lo piratano).

Quindi?

Quindi Audible funziona solo e soltanto in abbonamento mensile da 9,99 €. Come Spotify. Adesso sta a te scegliere se i soldi che spendi per Spotify, ovvero il tuo svago sono soldi che spenderesti anche per Audible.

Il trucco? Non ce ne sono molti ma per iniziare, se sei utente Amazon Prime puoi provare il servizio per 90 giorni invece che per 30. Che già non è poco.
Quindi puoi scaricarti gli audiolibri sul tuo smartphone e sentirli dove vuoi, quando vuoi senza la consumare traffico dati. Qualora ti sentissi di acquistare Audible puoi comunque cessarlo dopo i primi 30 giorni.

Nella mia ultima frase c’è anche un cheat che, se sei italiano puoi decifrare e usare a tuo piacimento. Ma non sono io che te l’ho consigliato!

Se volete provare, fatelo dal uno dei link sparsi per la pagina, farete guadagnare qualche mese free a me e non mi farete preoccupare di fare del cheating anche dove non dovrebbe essere fatto!

 

Non la pensi come me? Scrivimelo!