Cinque cose che guardo in uno sviluppatore 1

Cinque cose che guardo in uno sviluppatore

1 Dicembre 2022

Recentemente per la mia azienda ho dovuto tenere dei colloqui a sviluppatori molto diversi tra di loro. Giovani, meno giovani, appassionati, meno appassionati, effervescenti e più composti.

Tralasciando quell’occhio “vivido” di chi ha “fame di sapere” e che le domande era lui a farle, e non viceversa, da ognuno di questi colloqui ho imparato qualcosa. Ho imparato che ci sono delle peculiarità o delle piccole cose che miglioano la tua posizione da possibile candidato, che tu sia una figura Junior o meno.

Ne ho visti tanti, la maggior parte derivanti da una nota “Academy” presente sul territorio.
Indiscutibilmente c’è bisogno di sviluppatori e un percorso – molto noto online – di questo tipo può essere una “benedizione” per le Web Agency (o simili) che devono cercare figure Junior. La cosa che forse posso suggerire è magari quella di farli cimentare su una varietà più ampia di progetti e non sempre sugli stessi. Proprio perchè ho parlato con tante persone che spesso avevano la stessa “estrazione pre-professionale” ho dovuto aggiungere qualche KPI (passatemi il termine NERD) alla mia selezione.

Se ha un sito web

Quando trovi qualcuno che ha un sito web, comincia a mettere una spunta su quel CV. Quello che fino a qualche anno fa era all’ordine del giorno, oggi non è più cosa consueta. Se va bene hanno una casella “vuota” alla voce “Portfolio/Sito web personale”, se va male hanno Instagram a quella voce.

Il suo repository Github

Una caro amico ed ex collaboratore mi disse una volta: “Se non hai un repo Github hai qualcosa da nascondere…oppure non fai per me”. Ora, estremismi a parte, credo che al giorno d’oggi, non sia strettamente necessario avere un’account Github ma se ce l’hai guadagni punti. I motivi sono tanti ma uno su tutti, indiscutibilmente è: hai una minima idea di cosa sia GIT.

Poi parafrasando, “un profilo Github non fa il programmatore” ma sicuramente aiuta. A riguardo, andiamo direttamente al punto successivo.

Quanto è attivo sul suo repository Github

Io capisco che se lavori progetti personali nel tempo libero non è necessario che tu li abbia su Github ma perchè no? Avrai una “seconda copia” di backup – che male non fa – e in più potresti guadagnare punti con persone potenzialmente interessate al tuo lavoro.

E poi…se usate Git, vi prego, non fatelo perchè ve lo dice un professione di un’Academy. Fatelo perchè avere capito a cosa vi serve e perchè vi è utile.

Vedere decine e decine di profili Github con il medesimo repository è qualcosa di utile come un terzo gomito. Partecipa, tienilo aggiornato e fammi capire che per te è uno strumento di lavoro, che tu sia un Programmatore “wannabe” o che tu lo faccia di professione.

Poi capisco anche chi ha un server GIT personale e quindi Github lo utilizzi sporadicamente…

Se mi cita dei software di sviluppo conosciuti o delle estensioni

Se ci incontriamo e mi parli di Prettier, di Tabnine o di LiveServer significa che siamo destinati a stare insieme. Non è vero ma rende bene l’idea.

Anche in questo caso, se vuoi fare lo sviluppatore, a mio modo di vedere devi essere NERD ed essere NERD significa che ti appassionano anche le “sfumature” dei software che utilizzi.

Non per questo Zeno Rocha ha fatto così tanti introiti da Dracula.

Voglio che tu mi dica perchè ti piace Linux piuttosto che OSX (o viceversa).
Accetterei addirittura che tu mi dica che Windows Vista aveva delle feature interessanti guarda.
Ma, per dio, fammi capire che hai già messo le mani nella marmellata e che ti è piaciuto di brutto.